www.mat2020.com

www.mat2020.com
Cliccare sull’immagine per accedere a MAT2020

lunedì 9 maggio 2016

UT NEW TROLLS al Club il Giardino, di Daniele Raimondi e Renzo De Grandi



UT NEW TROLLS – Verona Prog Fest 2016 –
di Daniele Raimondi
 Reportage fotografico di Renzo De Grandi

Sabato 07 maggio 2016, sul palco del Club il Giardino di Lugagnano, per il Verona Prog Fest 2016, in apertura i Kerygmatic Project e gli UT NEW TROLLS.
I tre musicisti di Stresa, si fanno apprezzare, per la qualità del suono, che colpisce chi l’ascolta. Cambiano gli attori e cambia la musica, sul palco, per gli Ut New Trolls, due leggende dello storico gruppo genovese, Gianni Belleno, batteria, chitarra, voce, Maurizio Salvi, hammond e tastiere, il sound orchestrale del Concerto Grosso 1 e 2. Li accompagnano musicisti di grande valore, Claudio Cinquegrana, chitarra elettrica e cori, Umberto Dadà, voce, Alessio Trapella, basso e voce, Stefano Genti, tastiere e voce.


Presentano il nuovo album << è >>, la sua lettura rivela una fluida scorrevolezza delle partiture, la trasparenza timbrica e le dinamiche, abilmente elaborate e rese immagini sonore di un rock dal fascino melodico. La band è la vera protagonista, chiamata a raccontare, capace di esaltare la bellezza della musica. Gianni e Maurizio, quattro mani in un mondo di note, e si sente, il gusto di far musica, anche nell’era in cui la tecnologia, ha mutato la percezione della realtà. Gli UT New Trolls, si raccontano in prima persona e senza bisogno di artifizi, fanno pulsare le emozioni, al ritmo del tempo, con partiture fresche, diverse dall’abitudine, classiche e moderne allo stesso tempo, nelle dinamiche, fraseggi e colori, suonate da una formazione di altissimo rango. Capolavori pensati dalla mente, dalla creatività e dalla fantasia artistica dei musicisti, dove la musica e la poesia, abilmente assemblate, nel disegno di partiture dagli infiniti particolari, fanno emergere, ogni dettaglio. Due ore di musica, con l’intero album << è >>: in apertura lo strumentale “Trullo Lungo”, “Dies Irae”, “Oggi non sono spento”, “Cambiamenti”, “Meditazione”, “Cherubino”, “Opera suite”, “L’alternativa”, “Io” e gran chiusura con la suite di “Ostinato”.
Chiamati a gran voce, dalla valigia dei ricordi, le partiture simbolo di un’epoca che ha scritto una parte importante della storia musicale, dentro e fuori dai nostri confini, con partiture, dal profondo piacere dell’ascolto: “I Cavalieri del lago dell’Ontario”, un tuffo nel “Concerto Grosso”, “ ” e gran finale con “Miniera”.
Un’interpretazione fresca, dalle brillanti articolazioni, alla ricerca del bilanciamento tra le parti, liberando la fantasia e quell’estro agile e slanciato, che stimola , l’impasto e lo spessore delle note. L’esperienza, il talento, la creatività, l’istinto, la determinazione, non guastano.

Una tempesta perfetta di emozioni e a far capire la qualità del concerto, è stata l’atmosfera, le voci ed i sorrisi, le foto e gli autografi, raccolti al termine del concerto. Per tutta la durata del concerto, dal numeroso pubblico, applausi a scena aperta, per un’interpretazione da ricordare.


1 commento: