www.mat2020.com

www.mat2020.com
Cliccare sull’immagine per accedere a MAT2020

sabato 31 ottobre 2015

Racconti SottoBanco: Fellini e il BANCO, di Wazza

        

 "Non faccio un film per dibattere tesi o sostenere teorie. Faccio un film alla stessa maniera in cui vivo un sogno. Che è affascinante finché rimane misterioso e allusivo ma che rischia di diventare insipido quando viene spiegato."
(Federico Fellini)

 Rodolfo Maltese in piedi mentre suona la tromba, in una scena del film "Prova d'orchestra"

Il 31 ottobre 1993 ci lasciava Federico Fellini, regista, sceneggiatore, scrittore, considerato uno dei maggiori registi al mondo!
La sua incredibile carriera si è in qualche modo "incrociata" con quella del Banco e di alcuni suoi componenti, soprarTtutto con Francesco Di Giacomo.
Sembra che il grande regista sia stato "colpito" dalla conformazione fisica di Francesco, ma anche dalla sua intelligenza, al punto che l'ha voluto in ben tre film.
Satyricon (1969), in una breve sequenza dove, dentro dentro un'insula, in un vicolo di Roma, accenna una melodia su uno strumento a core. Poi nella parte del compare del protagonista nella scena del "bordello", sul film Roma (1972), infine l'imponente addetto alla sicurezza del califfo in soggiorno al Grand Hotel di Rimini, sull'altro "capolavoro" Amarcord.
La "comparsata" di Francesco su Satyricon, e visibile nella puntata di Canzonissima del 14 dicembre 1968, durante il collegamento tra lo studio televisivo ed il set di Cinecittà, con un divertente intervento del nosto "Big".



Altri due musicisti del Banco hanno partecipato ad un film del grande Fellini. Anche se non accreditati nei titoli di coda, nel film "Prova d'orchestra" (1979), ci sono Pierluigi Calderoni (percussioni) e Rodolfo Maltese (tromba), che fanno parte della grande orchestra.
Credo che talenti così non si incontrino per caso, ma sono come calamite che si attirano, due grandi "eccellenze" dell'arte italiana, un grande onore per i "nostri ragazzi", in fondo tutti dei magnifici visionari !
WK

Pierluigi Calderoni, Federico Fellini (con in mano una copia di... di Terra), Francesco Di Giacomo, Rodolfo Maltese




                        

venerdì 30 ottobre 2015

Bad News from John "Pugwash" Wheaters, di Wazza




Prepariamoci al peggio...
John "Pugwash" Wheaters, fu il mitico batterista dei Gentle Giant dal 1972 al 1980, poi con i Wild Tukey, e conta molte altre collaborazioni..
Da anni malato da atassia - spino cerebrale, ha annunciato di avere un tumore alle corde vocali.
A rendere pubblica la notizia, è stato il suo amico ex collega Kerry Minner, che invita tutti a mandare "positive vibrazioni e preghiere" per l'amico John.
Wheaters ha iniziato una laser-terapia per sconfiggere il cancro… noi possiamo solo sperare!
Visto all'opera con i Genle Giant a Torino nel 1976 e conosciuto di persona alla Itullians-Convention di Novi Ligure nel 2006, dove suonava con i Wild Turkey del compianto-amico Glenn Cornick
Forza "Pugwash", che le nostre positive vibrazioni ti possano aiutare

WK

giovedì 29 ottobre 2015

Paolo Preite: il nuovo video di "Don't stop dreaming"


Il nuovo singolo di Paolo Preite parte dalla volontà di registrare qualcosa con la sua band italiana e dal desiderio di cimentarsi nella produzione di un brano dalla A alla Z, senza l'aiuto di nessun altro.

Dice Paolo: “Siccome da anni avevo scritto "Don't stop dreaming",  che tra l'altro poteva essere benissimo la title track dell'album di recente uscita, e quindi strettamente connesso al progetto, mi son messo lì ed ho iniziato a lavorarci su. Quel che ne è venuto fuori è stato un "pezzo" che mostra altre mie qualità compositive e altre mie sfumature sonore, che forse nell'album non erano uscite del tutto fuori.


Produced by Paolo Preite ©2015 (http://www.paolopreite.net)
Music & Lyrics by Paolo Preite
Recorded and Mixed by Studiocompresso (http://www.studiocompresso.it)
Mastered by Karibu Mastering Studio (http://www.karibumastering.com)
Video Production: Francesco Albanese


Paolo Preite: Lead Vocal, Acoustic Guitar, Backing Vocals
Marco Rovinelli: Drums & Percussion
Alessandro Cefalì: Bass
Luca Fiasco: Electric Guitar
Alessandro Gwis: Hammond
Vinicio Lulli: Piano


"You may say I'm a dreamer
But I'm not the only one" Lennon John


DON'T STOP DREAMING LYRICS

Tell me now baby, if you’ve ever followed a dream
Have u little baby ever had doubts about it?
Tell me now baby, what’s your deepest desire?
How can you keep this flame growing higher and higher?
How can you get what you want? What will people say
Tell me now baby how can you be what you want?
Do you believe baby that there’s a God above?
Could u little baby find just one word to help you believe again in this dream that you lost
How can you get what you want? What will people say
Have you ever seen Jesus falling to the earth?
Have you ever seen an angel asking for help?
Tell me now baby, what’s wrong with you?
Tell me why baby you love dreaming your dreams?
Tell me now baby what’s true for you?
I’m sure little baby it’ll be right too!
How can you get what you want? What will people say
I saw your tears falling as falling leaves
Everything that happens will depend on your will
Dream and dream don’t stop dreaming! Dream and dream tough life looks grim! Dream and dream don’t let your dream leave ya! Dream and dream until the bells ring!
Have you ever touched the stars?
Have you ever kissed the sun?
Have you ever met someone and then made love just for fun?
Nobody taught me how to write a song, it’s strange and weird but that’s what I love.
What can I do if I like to break the rules? What can I do?
Some will judge me… and so may you!


Racconti SottoBanco-"Come in un ultima cena", di Wazza

Immagini del tour

Racconti SottoBanco

"Una cena con gli amici di sempre, un fatto abituale. Tutti più o meno rassegnati alla battuta scontata o ai discorsi già sentiti; un incontro che improvvisamente, però, diventa duro, violento, uno scontro frontale. Ciò accade quando uno dei presenti, senza preavviso, mette sul tavolo se stesso, il suo lasciarsi vivere, esprime con forza tutta la sua confusione, la sua "mancanza"... Un non previsto contatto e una diversa tensione, allora, si stabiliscono tutti ci si trovano coinvolti dalla totalità dei loro problemi, bisogna uscire allo scoperto, non ci si può sottrarre alla sincera verità di chi ti guarda dritto negli occhi e la cena stessa prende un non so che di definitivo; qualcuno dice "Mi sembra l'ultima cena" !

Veniva pubblicato nell’ ottobre del 1976 l'album del Banco del Mutuo Soccorso "Come in un ultima cena".
Dopo i tre "capolavori" precedenti, dopo"Banco IV", registrato per il mercato "internazionale", dopo "Garofano Rosso", colonna sonora dell'omino film. L'attesa dei fan per un nuovo album in studio (cantato in italiano) era molta. 
Questo disco fu uno "spartiacque", si abbandonarono le suite prog dei primi album a favore di una forma di canzone più tradizionale, nel senso della composizione dei brani, più ricercati e raffinati. Opera abbastanza "complessa", sia sul piano musicale che dei testi, nato in una specie di autoanalisi . Una cena dove si incontrano vari personaggi . C'è il furbo opportunista (Il ragno), il romantico idealista (E cosi buono Giovanni ma,...), l'attivista politico (Slogan), e cosi via. Il brano, "Si dice che i delfini parlino", era già pronto con un altro titolo per l'incompiuta opera-rock "San Francesco".
Per la "stampa specializzata" trattasi di album di transizione (ad avercene!), non capirono che questa "metafora" della vita dei vari personaggi del disco era lo specchio della società dell'epoca (e forse anche di quella attuale), e che il gruppo stava cercando una nuova dimensione.
Uscì per la casa discografica di EL&P "Manticore", ebbe una grande promozione, uscì anche una versione in inglese, "As in a last supper", con i testi tradotti da Angelo Branduardi, ed i notevoli "progressi" di Francesco a livello di pronuncia, rispetto a Banco IV (!!??)
Seguì in lungo tour con i "Danzatori Scalzi" ed Angelo Branduardi, ancora poco famoso; apriva i loro concerti e presentava il nuovo brano "Alla fiera dell'est", (con cui fece il botto). Ricordo di averli visti al Teatro Olimpico di Roma, allo spettacolo pomeridiano (la mia futura moglie doveva rientrare prima di cena!): che concerto! Al mixer c'era Marcello Todaro. Mi verrebbe da dire: " ho visto cose che voi umani.....".
Un grande album, maturo, che ha il solo "difetto" di essere stato preceduto da tre capolavori, ma con una liricità unica, e la voce di Francesco, antica...ancestrale (andate a ri-ascoltarlo…)
WK



Questo disco, ha anche una "copertina importante"…


Note: Copertina apribile con all'interno un disegno ispirato a "L'ultima cena" di Leonardo da Vinci e avente per soggetti i componenti del gruppo / Allegato un opuscolo cm. 22x22 di 16 pagine con una nota di presentazione all'opera a firma del gruppo, testi delle canzoni e relativi disegni a commento (vedi link "Altre immagini") / Copertina di Cesare e Wanda Monti - Illustrazioni e libretto di Mimmo Mellino / Registrato da Peter Kaukonen e mixato da Peter Kaukonen con Banco del Mutuo Soccorso presso il Chantalain Studio di Roma, nei mesi di Marzo-Aprile-Maggio 1976 / Produzione esecutiva: David Zard / Distribuito da Dischi Ricordi - Milano / Formazione: Pierluigi Calderoni - batteria, percussioni; Renato D'Angelo - basso, chitarra acustica; Francesco Di Giacomo - voce; Rodolfo Maltese - chitarre, tromba, corno, voce; Gianni Nocenzi - pianoforte, piano elettrico, sintetizzatore, clarinetto, flauto dolce; Vittorio Nocenzi - organo, sintetizzatore, solina, clavicembalo.

 Angelo Branduardi, tradusse i testi per la versione inglese "As in a last Supper" 




Cesare Monti, ideatore della copertina, racconta come è nata !

Banco del Mutuo Soccorso - Come in un'ultima cena


Attorno a questa immagine ci sono due storie incredibili. Iniziamo con la prima. Eravamo ormai al quarto Lp escludendo quello inglese. Ci fu una riunione da me, con Sandro Colombini, i fratelli Nocenzi, Francesco e gli altri. Il rapporto tra la musica e l’immagine stava diventando prioritario anche se le case discografiche non volevano vederlo, d’altronde sulla cecità dei nostri manager dovremmo stendere un velo grande come tutta la nazione. Proposi allora di fare una cosa completamente diversa, non tanto nella forma, ma diversa proprio come metodologia. L’idea era di girare un film in cui le immagini commentassero la musica, non la raccontassero ma ne fossero una visione onirica una evocazione, in quegli anni non esisteva ancora il video-clip, non c’erano ancora le video cassette ne tanto meno i dvd, ma come poteva allora essere commercializzato il disco? Lo spettatore che andava a vedere quel film avrebbe pagato con il prezzo del biglietto anche il costo molto ridotto del disco, che gli sarebbe stato dato in una busta bianca visto che la copertina erano le immagini del film. Si guardarono in faccia stupefatti era troppo per loro così si ritornò sulla terra e si progettò un qualche cosa che avesse dentro dei segni forti. A nessuno, se non a me, sarebbe mai stato permesso di fare una immagine del genere, d’altronde ero convinto che all’uscita ci sarebbe stato uno sconquasso, soprattutto da parte della Chiesa, e la cosa non poteva che farci gioco, ma non ci furono reazioni ne dalla Curia, ne da nessun altro. Ma qui nasce la seconda storia, figlia della prima, verso la fine degli anni 70 la mia situazione lavorativa in Italia era divenuta più che difficile, tragica, nessuno mi passava più del lavoro, ero considerato , troppo cerebrale, troppo difficile, poco accondiscendente a compromessi. Grazie a Nanni Ricordi conobbi l’amministratore delegato della Rolling Stones Record. Sigillai parte dello studio per non avere troppe spese mi feci prestare dei soldi dalla banca con la scusa di acquistare delle macchine, e mi trasferii da solo a New York: non ci andavo molto volentier,i lasciare moglie e figlia non era cosa che mi piaceva. I primi tempi, con l’aiuto di alcuni amici, presi in affitto una barca, di quelle stanziali al boat bease sul fiume Hudson, di fronte al New Jersey; dopo un pò mi trasferii non molto lontano da lì, alla 91 West Side. Lavorando con letichetta dei Rolling Stones economicamente le cose migliorarono, anche se il mio pensiero era sempre all’Italia. Un giorno fui chiamato in direzione e mi fecero sentire un pezzo, era Only on the top, il singolo del nuovo long playing di Mike Jagger come solista. Mi chiesero di fare un progetto. Presi l’occasione e tornai in Italia per chiedere una mano a Vanda, disegnammo la nostra proposta che portai nel viaggio di ritorno a Parigi, agli studi Olimpya, dove stavano registrando. Il progetto vedeva Mike sdraiato su una croce con la testa verso macchina in una prospettiva mantegnana, vestito solo con un panno ai fianchi e con ai piedi delle scarpe da tennis; la croce stava ancora a terra su un crinale come sfondo le balze di Volterra. Mike stringeva nella mano un martello che picchiava con forza a cacciare un chiodo dentro al palmo dellaltra, ferma sull’asse della croce, era unautocrocifissione. All’interno una serie di informazioni che avevo chiamato Do it yourself spiegavano come costruirsi i chiodi il martello la croce, gli oggetti fotografati erano tratteggiati in modo da poterli ritagliare. Il progetto fu accolto con entusiasmo. Intanto ero tornato a New York, passarono più di due mesi. Un giorno chiesi che succedeva del mio progetto, la risposta fu sconcertante: avevano sottoposto la proposta ai più grandi magazzini negli Stati Uniti e in Inghilterra la risposta era che una copertina del genere non l’avrebbero esposta, perché lesiva della moralità quindi non se ne faceva nulla. La cosa in sé non mi meravigliava più di tanto, se i punti vendita ti danno delle risposte simili l’industria che mira al profitto non poteva non tenerne conto, ma che i Rollig Stones si sottomettessero a queste regole, quando in Italia terra del Vaticano del Papa e dei cattolici, nessuno si era indignato per una immagine molto più blasfema tutto sommato, mi sembrava troppo. Ma il culmine dell’assurdità fu la ragione dello scandalo che non stava nel vilipendio religioso, ma nella moralità dellimmagine, il fatto che Mike Jagger fosse nudo con solo una piccola striscia a nascondere le sue grazie. Era finito un sogno, era finita un’epoca, almeno per me. 




mercoledì 28 ottobre 2015

Giancarlo Frigieri-"“Troppo Tardi”, di Silvano Debenedetti



“Troppo Tardi” – il nuovo album in CD e digital download da New Model Label / Controrecords 

Ci vuole una buona dose di coraggio, oltre alle innegabili qualità di musicista, anche soltanto per pensare di realizzare un album con solo voce e chitarra!
Evidentemente il coraggio non manca a Giancarlo Frigieri; è vero, ha dalla sua parte una certa esperienza, il suo primo lavoro solista risale al 2006, ma ciò non toglie le difficoltà che oggettivamente comporta la realizzazione di un disco del genere.
Non conoscevo questo artista prima d'ora; leggendo le note che presentano l'album, il mio pensiero è andato subito ad un disco di sole voce e chitarra di qualche anno fa: si tratta di
Le Noise”, dell' inarrivabile Neil Young... certo non avrebbe senso fare paragoni con questo disco, che tra l'altro a me piace molto.
Ma veniamo al disco di Frigieri, “Troppo Tardi”: l'inizio è aggressivo, il primo brano “Nakamura” cattura subito l'attenzione dell'ascoltatore, con chitarre distorte in primo piano e la voce, a tratti gracchiante... il testo è piuttosto tagliente.
Si prosegue con “Galleria”, una ballata acida (suoni e testo) e “Nel Mondo Noi Che Faremo”, altra ballad con suoni più folk...
Il quarto brano, “Elicotteri E Cani”, è quello che preferisco: qui l'atmosfera è sognante ed il suono dilatato... da ascoltare ad occhi chiusi.
Il Limite”, quinto brano, è quasi una filastrocca, mentre il successivo “Motivi Familiari” ha il ritmo di un valzer lento, con la voce quasi sussurrata. Nel settimo brano, “Fiori”, la chitarra si muove su un suono di basso simulato con la voce, così come le percussioni. Ottavo ed ultimo brano “Il Chiodo”, un brano acustico, più classico, dove il ritmo è scandito dalle parole 'zitti tutti', che simulano le spazzole sulla batteria.
I testi sono graffianti e narrano storie di perdenti: qualcuno vive la sconfitta con rassegnazione, qualcuno non le da troppo peso, altri cercano di ricominciare, altri ancora la vivono come una necessaria esperienza...

Insomma, non sarà Neil Young, ma Giancarlo Frigieri ha realizzato un ottimo disco, in cui ogni brano è costruito con estrema cura e, riascoltandolo con attenzione, ci fa scoprire ogni volta qualche particolare in precedenza sfuggito, specialmente nei vari suoni che accompagnano voce e chitarra...
           


Tracklist: 01. Nakamura / 02. Galleria / 03. Nel Mondo Che Faremo / 04. Elicotteri E Cani / 05. Il Limite / 06.  Motivi Familiari / 07. Fiori / 08. Il Chiodo

Discografia:  Close Your Eyes, Think About Beauty – 2006 / L’Età Della Ragione – 2009 / Chi Ha Rubato Le Strade Ai Bambini? – 2010 (LP+CD) / I Sonnambuli – 2011 / Togliamoci Il Pensiero – 2012 / Distacco – 2014 – Troppo Tardi - 2015  



martedì 27 ottobre 2015

TOUR DATES 27 OTTOBRE AL 02 NOVEMBRE 2015, di Zia Ross

TOUR DATES 27 OTTOBRE AL 02 NOVEMBRE 2015



Dal 26 ottobre al 1° novembre 2015

MUSEO DELLA CIVILTÀ CAVALLERESCA - Piazza CastelloSALUZZO(CN)
LOU DALFIN


Martedì 27/10

TEATRO SAN GIUSEPPE - VIA ITALIA 76BRUGHERIO(MI)
FABRIZIO POGGI & CHICKEN MAMBO
info: 039/870181 - www.sangiuseppeonline.it


27-28 ottobre 2015

Teatro ComunaleCorso Martiri Della LibertàFERRARA (FE)
JESUS CHRIST SUPERSTAR
In scena con Ted Neeley, protagonista dell’omonimo successo cinematografico icona degli Anni Settanta, anche Feysal Bonciani (Giuda), Simona Distefano (Maria Maddalena), Paride Acacia (Hannas), Emiliano Geppetti (Pilato), Claudio Compagno (Simone), Francesco Mastroianni (Caifa), Francesco Italiani (Pietro) e Salvador Axel Torrisi (Erode).
Sul palco, l’Orchestra diretta dal Maestro Emanuele Friello, l’ensemble di 24 tra acrobati, trampolieri, mangiafuoco e ballerini coreografati da Roberto Croce, le scenografie di Giancarlo Muselli elaborate da Teresa Caruso e i costumi di Cecilia Betona.

BLUE NOTE - Via Borsieri, 37 - Q.re Isola- MILANO(MI)
STANLEY CLARKE
Ore 21.00 - Ore 23.00


Mercoledì 28/10

PANIC JAZZ CLUB - PIAZZA CASTELLO 42MAROSTICA(VI)
URI CAINE
info: 0424/72707 – 328/8654325 - info@panicjazzclub.com - http://panicjazzclub.com - www.facebook.com/panicjazz

GRAN TEATRO GEOX Ex Foro Boario- Corso Australia- PADOVA (PD)
THE MUSICAL BOX
I canadesi The Musical Box portano sul palco l'esatta replica dello spettacolo dei ‎Genesis “Selling England by the Pound” del 1973 show: luci, costumi, effetti e le diapositive originali.
The Musical Box‬ - unica tribute band supportata dai Genesis e da Peter Gabriel - guidano i fan in un viaggio nel tempo, offrendo loro la possibilità di rivivere la magia di un’esperienza unica.
L'aspetto visivo degli spettacoli di The Musical Box si basa su migliaia di foto e molti film amatoriali dei concerti dei Genesis.
"The Musical Box recreated, very accurately I must say, what Genesis was doing. I saw them in Bristol with my children so they could see what their father did back then." (Peter Gabriel)


Giovedì 29/10

BLUE NOTE - Via Borsieri, 37 - Q.re Isola- MILANO(MI)
BONONIA-SOUND-MACHINE
Ore 21.00

TEPEPA ALE HOUSE - COUNTRY BAR BIRRERIA LIVE - via Brentella, 53/5ROVEREDO IN PIANO(PN)
LINCOLN QUARTET: THE BEST OF PROG ROCK’70 & JETHRO
Il LINCOLN QUARTET è una delle rare Tribute Band ufficiali italiane dei Jethro Tull, che vanta oltretutto collaborazioni del calibro di CLIVE BUNKER (batterista originale dei Jethro Tull) ed ALDO TAGLIAPIETRA (ex leader de Le Orme).
Oltre ai classici dei Jethro Tull, nei suoi spettacoli propone inoltre un interessante e coinvolgente set di brani tratti dal panorama nazionale ed internazionale, un tuffo nella musica prog rock degli anni ’70 per assaporare fino in fondo i successi che hanno caratterizzato quel fantastico e prolifico periodo: Orme, Genesis, P.F.M, Banco, E.L.P. New Trolls, Osanna, Focus, King Crimson, Van Der Graaf, ecc.
Lineup: LINCOLN VERONESE [voce & chitarre] - MAURO MARTELLO [flauto traverso] - ANDREA DE NARDI [piano & tastiere] - MANUEL SMANIOTTO [batteria] - IACOPO GOBBATO [basso]

BRAVO CAFFE'Via Mascarella 1BOLOGNA(BO)
ANTONIO FARAO' QUARTET "BOUNDARIES"
IN COLLABORAZIONE CON BOLOGNA JAZZ FESTIVAL
Antonio Faraò é da tempo l'orgoglio del giovane JAZZ italiano in tutto il mondo. Non si contano per lui i riconoscimenti, premi internazionali e partecipazioni ai jazz-festival più significativi. Vanta anche prestigiose collaborazioni discografiche, concerti e jam-session (molte delle quali avvenute sul nostro palco) con artisti di fama mondiale, come Pat Metheny, Lee Konitz, Steve Grossman, Tony Scott, Wayne Dockery, Richard Galliano, Billy Cobham, Franco Ambrosetti, Chico Freeman, Miroslav Vitous, John Abercrombie, senza contare invasioni nel campo della musica d' autore come le collaborazioni nientemeno che con Mina.. Ci aspettiamo in queste due serate, una rinnovata tensione creativa di Antonio come pianista e come leader del grande jazz, in un affascinante interplay sorretto dalla passione e dalla raffinata vocazione solistica di artisti del calibro di Marco VAGGI al Contrabbasso e Dominik EGLI alla Batteria.

ARTERIA - VICOLO BROGLIO 1/EBOLOGNA(BO)
BANDA ELASTICA PELLIZZA
info: 051/0868879 – 346/6149292 - www.arteria.bo.it - www.facebook.com/arteria.bo -

OSTERIA DEL TRENO - Via San Gregorio, 46MILANO(MI)
FRANCESCO DE GREGORI
FRANCESCO DE GREGORI presenta il suo nuovo album "DE GREGORI CANTA BOB DYLAN - AMORE E FURTO" giovedì 29 ottobre a MILANO (Osteria del Treno - ore 10.30 ascolto album e ore 12.00 conferenza stampa)

THE BLACK HOLE - Via Nazionale delle Puglie 183NAPOLI(NA)
RAIZ & RADICANTO

OBIHALL EX SASCHALL Via F. De André angolo Lungarno A. Moro - FIRENZE(FI)
THE MUSICAL BOX
I canadesi The Musical Box portano sul palco l'esatta replica dello spettacolo dei ‎Genesis “Selling England by the Pound” del 1973 show: luci, costumi, effetti e le diapositive originali.
The Musical Box‬ - unica tribute band supportata dai Genesis e da Peter Gabriel - guidano i fan in un viaggio nel tempo, offrendo loro la possibilità di rivivere la magia di un’esperienza unica.
L'aspetto visivo degli spettacoli di The Musical Box si basa su migliaia di foto e molti film amatoriali dei concerti dei Genesis.
"The Musical Box recreated, very accurately I must say, what Genesis was doing. I saw them in Bristol with my children so they could see what their father did back then." (Peter Gabriel)

TEATRO POLITEAMA GENOVESE - Via Bacigalupo 2 - Genova (GE)
JACK SAVORETTI
info: 010 8393589 - Fax 010 872254 - botteghino@politeamagenovese.it


29-31 ottobre 2015

MEDIMEX-MEI - Fiera del Levante - BARI(BA)
MEDIMEX
Da giovedì 29 a sabato 31 ottobre 2015 torna a Bari il Medimex. Mai come quest’anno il Salone dell’Innovazione Musicale,organizzato da Puglia Soundsavrà un’ampia scelta di eventi e attività sia per il pubblicosia per i professionisti della musica. Nei 20.000mq del padiglione nuovo della Fiera del Levante sorgerà una vera a propria città della musica con 5 palchi con un ricco programma di live diurni e serali; 6 sale dedicate a incontri d’autorepanel e workshop; oltre 100 stand in cui scoprire le novità del mercato e i più innovativi strumenti e servizi in ambito musicale. E poi un’area giochi per le famiglie e i più piccoliil mercato dei viniliCasa Hip Hop con un focus sulle culture di stradagli eventi nel Planetariomostre e installazioni. Il 29 ottobre inaugura anche l'installazione di Brian Eno «Light Paintings»che sarà aperta al pubblico fino al 14 novembre al Teatro Margherita di Bari (9-13/16-19).
Il programma degli incontri d'autore
Giovedì 29 ottobre > BRIAN ENOLUDOVICO EINAUDI
Venerdì 30 ottobre > GIANNA NANNINILO STATO SOCIALEENSITHE KOLORSGIANRICO CAROFIGLIO E GIANCARLO DE CATALDODAVID LANG
Sabato 31 ottobre > CARMEN CONSOLIVINICIO CAPOSSELAERRI DE LUCADEPRODUCERSLORENZO FRAGOLA EFRANCESCA MICHIELIN
Il programma dei concerti serali
Giovedì 29 ottobre > NATALIE IMBRUGLIAHINDI ZAHRAANTONIO PASCUZZOJOYCUTJACK NKANGABARI JUNGLE BROTHERSLA SCAPIGLIATURA.
Venerdì 30 ottobre > CARMEN CONSOLITXARANGODOM LA NENAADAM BEN EZRAWRONGONYOUIL GUAIOTOA MATA BANDISAYA
Il programma degli showcase (10-19)
Giovedì 29 ottobre > KUTSORAFFAELE CASARANOCIAUDAGIANLUCA DE RUBERTISFEDERICO CIMINI,RADIODERVISH
Venerdì 30 ottobre > LA RUA E MUSICANTI DEL VENTORUIDOSLIVOVITZRITA ZINGARIELLOMIMMO EPIFANI,C.F.F.TREBLECRIFIU
Sabato 31 ottobre > TRIO JAZZLOS IMPOSSIBLESERICA MOUDONATO MINGRONEGIOVANNI CACCAMO,SANTA MARGARETSIMONE PERRONESALENEROCAROLINA BUBBICOBADADRIATICA
Per il programma completo e tutte le info www.medimex.it
info: 0546/26304 – 349/4461825 – 335/8370032 - http://www.pugliasounds.it/medimex/ - www.facebook.com/medimex


Venerdì 30/10

BLUE NOTE - Via Borsieri, 37 - Q.re Isola- MILANO(MI)
FOURPLAY
Ore 21.00 - Ore 23.30

TEATRO TONIOLO - piazzetta Cesare Battisti 3MESTRE(VE)
JACK SAVORETTI
info: 041/971666 - www.culturaspettacolovenezia.it

CROSSROADS LIVE CLUBvia Braccianese, 771OSTERIA NUOVA(RM)
MOSTLY AUTUMN PROG BAND
Il gruppo inglese dei Mostly Autumn è nato alla fine degli anni ’90 ed è da sempre considerato esponente di punta del nuovo panorama Prog Rock europeo, nelle loro canzoni infatti risultano chiari i riferimenti e gruppi come Genesis e Pink Floyd.

PATCHANKA - via Ricostruzione 61FERRARA(FE)
LIQUID SHADES E MARCHESI SCAMORZA
Il progetto Liquid Shades nasce nel 2007 con l’intento di formare una band per comporre brani inediti ispirandosi al rock progressive anni ’70 unendo al contesto sperimentazioni più moderne e psichedeliche. Il 30 marzo 2014 è uscito “EP 2014”.
A tre anni dall’apprezzato disco d’esordio e dopo la partecipazione al progetto “Decameron”, tornano i Marchesi Scamorza con il nuovo album “Hypnophonia”.
Inizio concerto ore 22

KIOENE ARENA EX PALAFABRIS - VIA SAN MARCOPADOVA(PD)
DEEP PURPLE, RIVAL SONS, TREVES BLUES BAND, GUITAR RAY & THE GAMBLERS
Tribuna Gold numerata €60,00 + dp, 1° anello numerato €55,00 + dp,
Parterre posto unico in piedi €45,00 + dp

NIDABA THEATREVia E. Gola 12MILANO(MI)
MANDOLIN BROTHERS
info: 02/89408657 - 339/3477512 - maxnidaba@gmail.com - www.nidaba.it - www.facebook.com/max.nidaba

VALECENTER - via Enrico Mattei 1MARCON(VE)
QUARTO VUOTO
Dopo l’importante cambio di formazione che ha visto l’uscita dalla band del cantante /violinista Federico Loernzon, la giovane band dei Quarto Vuoto torna a suonare in una veste rinnovata: i brani che avete sentito suonare tante volte in concerto e che avete ascoltato nell’EP “Quarto Vuoto”, verranno riproposti con nuovi arrangiamenti, in chiave totalmente strumentale.
Inizio concerto ore 18.30

AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA - SALA SANTA CECILIA - Largo Luciano Berio, 3ROMA(RM)
THE MUSICAL BOX ‬ • SELLING ENGLAND BY THE POUND
I canadesi The Musical Box portano sul palco l'esatta replica dello spettacolo dei ‎Genesis “Selling England by the Pound” del 1973 show: luci, costumi, effetti e le diapositive originali.
The Musical Box‬ - unica tribute band supportata dai Genesis e da Peter Gabriel - guidano i fan in un viaggio nel tempo, offrendo loro la possibilità di rivivere la magia di un’esperienza unica.
L'aspetto visivo degli spettacoli di The Musical Box si basa su migliaia di foto e molti film amatoriali dei concerti dei Genesis.
"The Musical Box recreated, very accurately I must say, what Genesis was doing. I saw them in Bristol with my children so they could see what their father did back then." (Peter Gabriel)

BLOOM DI MEZZAGO- via Curiel, 39 - Mezzago (MI)
THE OCEAN
info: Tel: 039 623853 - 039/6067351 Fax: 039 6022742 - www.bloomnet.org - www.facebook.com/bloom.mezzago
Qualche data in Italia per il gruppo post-metal sperimentale fondato a Berlino nel 2000.


30-31 ottobre 2015

TEATRO COMUNALE LUCIANO PAVAROTTI -via del Teatro n.8MODENA(MO)
JESUS CHRIST SUPERSTAR
info: http://www.teatrocomunalemodena.it - Teatro 059 2033020
BIGLIETTERIA: CORSO CANALGRANDE 85 - 41121 Modena (Mo) Tel. 059 2033010 - Fax. 059 2033011
In scena con Ted Neeley, protagonista dell’omonimo successo cinematografico icona degli Anni Settanta, anche Feysal Bonciani (Giuda), Simona Distefano (Maria Maddalena), Paride Acacia (Hannas), Emiliano Geppetti (Pilato), Claudio Compagno (Simone), Francesco Mastroianni (Caifa), Francesco Italiani (Pietro) e Salvador Axel Torrisi (Erode).
Sul palco, l’Orchestra diretta dal Maestro Emanuele Friello, l’ensemble di 24 tra acrobati, trampolieri, mangiafuoco e ballerini coreografati da Roberto Croce, le scenografie di Giancarlo Muselli elaborate da Teresa Caruso e i costumi di Cecilia Betona.


Sabato 31/10

MOVIE BLUES MACALLÈ 2014Via Marsala, 1/ACastelceriolo, Uscita AL EST (Autostrada TO/PC)(AL)
BRIAN AUGER’S OBLIVION EXPRESS FEAT. ALEX LIGERTWOOD (EX SANTANA)
prenotazione 389 422 61 72
Platea € 25,00
Galleria € 20,00
Apertura Porte Ore 20,30
Inizio Concerto Ore 22,00

BLUE NOTE - Via Borsieri, 37 - Q.re Isola- MILANO(MI)
JOYCE ELAINE YUILLE & JAZZ INC
Ore 21.00

RANDAL CIRCOLO ARCI - via Latiro 21SESTRI LEVANTE(GE)
FUNGUS
I Fungus nascono a Genova nel 2002 come gruppo di improvvisazione totale per evolvere successivamente verso composizioni più definite, sospese tra rock chitarristico, caldo e valvolare, e robuste tentazioni folk, acustiche. Hanno all’attivo tre album (“Careful”, “Better than Jesus” e “The Face of Evil”) e un EP (“25 grams”).
Inizio concerto ore 22

Spazio Teatro 89 - Via Fratelli Zoia 89 - Milano (MI)
VIII Strada e Not a Good Sign
info: www.spazioteatro89.org - Biglietti: intero € 13,00 - ridotto (under18-over65/convenzioni) € 10,00, info, prenotazioni e prevendite: 02 40914901 - info@spazioteatro89.org
Dopo sette anni dall’uscita de “La Leggenda della Grande Porta”, gli VIII Strada ritornano per presentare in anteprima assoluta il nuovo sorprendente album: nove brani che, seppur differenti tra loro per colore, ritmo, melodia, compongono tutti insieme l’opera rock dall’intrigante titolo “Babylon”.
Il 28 febbraio i Not a Good Sign hanno presentato il nuovo album “From a Distance”, uscito per Fading Records. La band è è una realtà musicale che crea con la propria musica originale un sound attuale, vibrante e con una particolare cura strumentale. Le musiche dei Not a Good Sign ispirano pensieri irresistibilmente oscuri, descrivono epici spazi aperti e claustrofobiche esplosioni di rabbia. Siediti di fianco a loro e chiudi gli occhi.
Inizio concerto ore 20.30,

CANCELLO DEL CINABROpiazza del MonasteroGENOVA Sampierdarena(GE)
IL CERCHIO D’ORO, PINO SINNONE E GIORGIO “FICO” PIAZZA
info: 389/5741721 - 010/6442695 - cinabro@oicl.it - http://www.pubcinabro.it/
Il Cerchio d’Oro, band storica del prog savonese, nata nel 1974 grazie a da Gino e Giuseppe Terribile e Franco Piccolini, e attiva fino al 1980, rinasce nel 2006. Nel 2013 è uscito l’album “Dedalo e Icaro” per la Black Widow Records. Questa sera divide il palco con con Pino Sinnone (The new Trip) e Giorgio “Fico” Piazza (ex PFM).
Inizio concerto ore 21.45
Costo biglietto 13 euro, concerto + cena 28 euro

AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICAVia Pietro de Coubertin- ROMA(RM)
JACK SAVORETTI
info:06/80241281 - 199/109783 - www.auditorium.com

TEATRO ASTRA - VIA ROMA 3/BS. GIOVANNI LUPATOTO(VR)
MASSIMO PRIVIERO
info: 045/9250825 - www.cinemateatroastra.it/

CLUB IL GIARDINO LUGAGNANO via Cao del Prà, 82 - LUGAGNANO(VR)
MOSTLY AUTUMN PROG BAND
Il gruppo inglese dei Mostly Autumn è nato alla fine degli anni ’90 ed è da sempre considerato esponente di punta del nuovo panorama Prog Rock europeo, nelle loro canzoni infatti risultano chiari i riferimenti e gruppi come Genesis e Pink Floyd.

TEATRO TONIOLO - piazzetta Cesare Battisti 3MESTRE(VE)
BANDA ELASTICA PELLIZZA
info: 041/971666 - www.culturaspettacolovenezia.it

THE CAGE THEATRE TEATRO MASCAGNI DI VILLA CORRIDI via del Vecchio Lazzaretto, 20 LIVORNO(LI)
FOLKSTONE

KERKYRA - via giardinoBENEVENTO(BN)
JAMES SENESE & NAPOLI CENTRALE✺

MEDIOLANUM FORUMVia G. Di Vittorio, 6 - ASSAGO(MI)
DEEP PURPLE, RIVAL SONS, TREVES BLUES BAND, GUITAR RAY & THE GAMBLERS
info:199128800
Settore A parterre numerato €75,00 + dp, Tribuna Gold numerata €65,00 + dp,
1° anello numerato €50,00 + dp, 2° anello non numerato: € 30,00 + dp
Parterre posto unico in piedi €40,00 + dp,

Teatro Rina & Gilberto Govi- Via Pasquale Pastorino, 23r - Genova (GE)
PAOLO BONFANTI BAND

LATTERIA MOLLOY - Via Marziale Ducos 2/B - BRESCIA (BS)
SIGUE SIGUE SPUTNIK
Se Elvis fosse vivo nel 2050 come suonerebbe, in un club extramondo? Probabilmente come i Sigue Sigue Sputnik.... Sigue Sigue Sputnik (il nome di una gang russa) sono una band di culto che esplose nella seconda metà degli anni 80. Definiti come un incrocio tra il glam dei T Rex, la dance robotica di Donna Summer, Elvis Presley e Iggy Pop, David Bowie e il synth pop inglese nato davanti ai computer, Sigue Sigue Sputnik, quando esordirono, nel 1986, per volere di Tony Jones (ex Generation X, una delle band seminali di punk inglese), balzarono subito in cima alle classifiche inglesi con il singolo "Love Missile F1-11,".1999 Oggi, dopo un decennio e più in cui la band ha continuato a prodursi dischi mettendoli esclusivamente on line sul loro sito (www.sputnikworld.com, dove era possibile comprare “Ultimate collection”, un disco di special extended mixes dei loro primi lavori, “Sci fi Sex Stars”, un album di rarità, “Piratespace”, “Blak Elvis Vs the Kings of Electronic rock and roll” , un disco di cover di Elvis rivistate nello stile della band), il gruppo si è riformato. A maggio è uscito un nuovo album (Ultra real).

FOLKCLUB - via Perrone 3/BIS - TORINO (TO)
URI CAINE
info: 011/9561782 - www.folkclub.it


Domenica 01/11

PALAPARTENOPE - via Barbagallo 115 - FUORIGROT­TA (NA)
THE MUSICAL BOX ‬ • SELLING ENGLAND BY THE POUND
info: 081/7628216 – 081/75700008 - www.palapartenope.it
I canadesi The Musical Box portano sul palco l'esatta replica dello spettacolo dei ‎Genesis “Selling England by the Pound” del 1973 show: luci, costumi, effetti e le diapositive originali.
The Musical Box‬ - unica tribute band supportata dai Genesis e da Peter Gabriel - guidano i fan in un viaggio nel tempo, offrendo loro la possibilità di rivivere la magia di un’esperienza unica.
L'aspetto visivo degli spettacoli di The Musical Box si basa su migliaia di foto e molti film amatoriali dei concerti dei Genesis.
"The Musical Box recreated, very accurately I must say, what Genesis was doing. I saw them in Bristol with my children so they could see what their father did back then." (Peter Gabriel)


Lunedì 02/11

TEATRO DELLA LUNA Via G. Di Vittorio, 6 - ASSAGO(MI)
THE MUSICAL BOX ‬ • SELLING ENGLAND BY THE POUND
info: 02-48844898 - www.teatrodellaluna.com - Biglietti: www.ticketone.it
I canadesi The Musical Box portano sul palco l'esatta replica dello spettacolo dei ‎Genesis “Selling England by the Pound” del 1973 show: luci, costumi, effetti e le diapositive originali.
The Musical Box‬ - unica tribute band supportata dai Genesis e da Peter Gabriel - guidano i fan in un viaggio nel tempo, offrendo loro la possibilità di rivivere la magia di un’esperienza unica.
L'aspetto visivo degli spettacoli di The Musical Box si basa su migliaia di foto e molti film amatoriali dei concerti dei Genesis.
"The Musical Box recreated, very accurately I must say, what Genesis was doing. I saw them in Bristol with my children so they could see what their father did back then." (Peter Gabriel)



Si ringrazia il sito www.hamelinprog.com per le numerose informazioni sui concerti di rock progressivo.