www.mat2020.com

www.mat2020.com
Cliccare sull’immagine per accedere a MAT2020

venerdì 20 febbraio 2015

The Stooges, ovvero molto rumore per nulla, di Innocenzo Alfano


The Stooges, ovvero molto rumore per nulla
di Innocenzo Alfano
                                                                                        
Alla fine mi sono deciso, e ho riascoltato con calma (ben due volte, per un totale di 70 minuti di ascolto) il primo album, omonimo, degli statunitensi Stooges, registrato e pubblicato nel 1969. Mi ero ripromesso di farlo già da un pezzo. Anzi, da un bel pezzo.
Le mie vie musicali incrociarono per la prima volta il gruppo di Iggy Pop, detto l’Iguana, verso la fine degli anni ’80, e non rimasi affatto sconvolto da quell’incontro. Si trattò, allora, di un incontro per lo più casuale, avvenuto negli studi di Radio City Saracena insieme ai miei amici deejay appassionati, come me (o io come loro), di musica rock. Infatti me ne dimenticai in fretta. Riprovai, con maggiore consapevolezza, nel decennio successivo, e il risultato fu identico: quella musica non mi diceva un granché. Nel frattempo, però, cominciavo a documentarmi, in maniera dettagliata, sulla storia del rock, e notavo che il primo lp degli Stooges veniva quasi sempre trattato in modo più che lusinghiero, spesso apologetico. Per qualcuno era addirittura “uno dei capolavori della musica rock” (Piero Scaruffi), o, come variante linguistica del medesimo giudizio, “potentissima pietra miliare nella storia del rock” (Alberto Campo), mentre altri, servendosi anche della matematica, non hanno esitato ad assegnargli un bel 9 in una scala di valori in cui nove è, di fatto, il punteggio massimo (ondarock.it). Ma i miei dubbi restavano.
Gli ascolti del 2015, e arriviamo ad oggi, hanno confermato l’impressione di quasi trent’anni prima: l’esordio discografico del quartetto del Michigan, seppur ritenuto leggendario da molti, non regge il confronto con la grande musica rock della stagione di Woodstock e dei festival sull’isola di Wight. Ha un bell’affannarsi Danny Fields, pubblicitario della Elektra Records e scopritore sia degli Stooges che dei “cugini” MC5, a ricordare, nelle note di copertina della prima edizione in cd dell’album, che le band di Detroit, alla fine degli anni ’60, godevano del doppio vantaggio della distanza geografica e culturale sia dall’Inghilterra che dalla California, e che questo avrebbe permesso loro di affrancarsi dalla “pretenziosità” – come la chiama lui – che si era fatta largo nella musica rock dopo il 1966. Tesi tanto curiosa quanto incomprensibile, ma assai tipica di certa critica e storiografia legate al rock. Secondo Fields, in sostanza, la “pretesa” di suonare meglio il proprio strumento, di curare di più i testi, di variare ritmicamente una composizione, era, e rimane, un disvalore. Per lui, e non solo per lui, il rock dovrebbe essere «qualcosa di più primitivo, un autentico pandemonio» (cfr. The Stooges, Elektra 7559-60667-2, Made in Germany, 1988).
Il pandemonio di cui parla Danny Fields in effetti non manca in questo primo lavoro degli Stooges, prodotto per l’occasione da un ex membro dei Velvet Underground, John Cale, uno che di musica grezza e orgiastica senza dubbio se ne intendeva. Ma a parte il pandemonio, a ben vedere non è che ci sia molto altro in questa proposta musicale che, dovendola etichettare, potremmo definire di hard rock monotono e vagamente psichedelico, oppure tardo garage proto-punk, il tutto condito da liriche deprimenti e/o lascive intonate da una voce incolore ed anonima.
Ovviamente non tutto è da buttare via, perché siamo pur sempre in un periodo fertile per la musica rock, e le buone idee, in certi casi, sgorgano anche dalle fonti meno nobili. Perciò è senz’altro da applausi l’uso del pedale wah-wah da parte del chitarrista Ron Asheton, attraverso il quale egli dimostra di aver appreso con profitto almeno una delle fondamentali lezioni hendrixiane. Ma questo è in ogni caso, e con ogni probabilità, l’unico elemento musicale di vero interesse in tutto il 33 giri. La lunga We Will Fall, in chiusura della prima facciata del long playing, vorrebbe ripetere, due anni dopo, l’exploit della celebre The End dei Doors, un’altra rock band – all’epoca la più importante – della Elektra Records, ma, sfortunatamente per gli Stooges, l’Iguana non possiede né le qualità vocali e né tantomeno quelle espressive di Jim Morrison, e a nulla serve il contributo alla viola di John Cale, poiché il brano, il più lungo dell’album, si salva dal naufragio solo grazie al lavoro di Asheton con il pedale wah-wah. Anche Ann, sull’altro lato del vinile, ha una chiara matrice doorsiana per i primi 2/3 del suo incedere, tuttavia senza i pregi degli arrangiamenti dei Doors e con tutti i limiti propri degli Stooges. Se, di un simile disco, dovessi proprio segnalare dei brani in qualche misura suggestivi (sul piano musicale), questa, sforzandomi, sarebbe la mia lista: 1969, con i suoi due accordi due, la concisa Not Right, e la conclusiva Little Doll, il cui assolo di chitarra elettrica con effetto wah-wah non meritava la dissolvenza in fase di realizzazione. Per il resto, come avrebbe detto William Shakespeare, tanto rumore per nulla...

P. S. Tra le poche cose interessanti dell’album io salverei anche un aspetto che con le sette note non c’entra. Mi riferisco alla copertina, in particolare per quelle giacche di pelle scura indossate e sfoggiate da tutti i membri del gruppo in un periodo dominato da camicie colorate e indumenti di jeans. Come indossatori e fotomodelli, niente da dire. La musica, però, è un’altra cosa.

Nota Bene L’articolo sarà inserito nel mio prossimo libro dedicato alla musica, che si intitolerà “Storie di Rock Vol. 2. Sempre che riesca a trovare un editore! Nel frattempo, l’Introduzione del volume è già disponibile online (in una versione in cui manca il riferimento agli Stooges).



3 commenti:

  1. Caro Innocenzo, prima di tutto ti ringrazio per gli stimolanti spunti di riflessione che riesci sempre ad offrire.
    Premetto che non sono mai stato un fan degli Stooges (trovo che Iggy Pop da solista abbia fatto delle cose molto più interessanti), tanto è vero che non ascoltavo questo album con attenzione da un'eternità. Non ho alcuna intenzione infatti di difenderli e sono d'accordo con te sul fatto che questo sia il tipico caso in cui un album viene sopravvalutato in maniera spropositata da "esperti" di rock totalmente analfabeti in materia musicale. Credo però che nel ragionamento che fai ci sia una tua tipica tendenza a perdere di vista un aspetto fandamentale: e cioè che non a tutti i musicisti rock interessa suonare "bene", perché a volte l'unica cosa che vogliono esprimere è un senso di ribellione e di incazzatura che hanno proprio l'intento di sbeffeggiare e, concedimi il termine, "sfanculare" tutte le regole, comprese quelle della "dottrina musicale". E il fatto che non abbiano alcuna voglia di "imparare" può essere la diretta e più sincera espressione della volontà di non allinearsi e adeguarsi, appunto, alle regole, qualunque esse siano. Discorso molto pericoloso, lo sappiamo, che ha fatto fin troppi proseliti e che ha legittimato l'incompetenza, questo ormai in tutti i campi, purtroppo. Ma allora, come alla fine degli anni '70, aveva un senso. E' adesso che non ce l'ha più, perché a lungo andare è un atteggiamento che ruota all'infinito su se stesso senza possibilità di sbocchi. Ma se pensiamo allo spirito con cui è nato il rock 'n' roll negli anni '50, almeno nelle intenzioni degli artisti, lo spirito era proprio quello di fare qualcosa di "ignorante".
    "Roll Over Beethoven" cantava Chuck Berry , e nessuno ha mai preteso che imparasse a suonare come Andrés Segovia, così come nessuno ha mai rimproverato a Jerry Lee Lewis (pianista a mio avviso molto sopravvalutato) di non essere Arturo Benedetti Michelangeli. Ma il senso di ciò che facevano loro era un altro. Il discorso che fai tu sulla competenza musicale è sacrosanto e sai bene quanto lo condivido, ma portato all'estremo potrebbe non trovare fine, e, andando a ritroso, potremmo arrivare tutti quanti a fare le stesse considerazioni che Theodor W. Adorno esrpimeva sulla popular music, senza comprenderne la vera essenza e applicando un approccio che andava bene per la musica "classica" fino ad Arnold Schonberg e Igor Stravinsky, ma che era assolutamente inefficace per tutto il resto. E questo suo problema di impostazione lo ha infatti portato a partire da un presupposto sbagliato, pur sostenendo le sue tesi in maniera ineccepibile dal punto di vista dell'impostazione. Ma la conseguenza e il risultato sono stati il fraintendimento di un fenomeno che non era riuscito a comprendere, perché di base non aveva alcuna volontà di comprenderlo (dato che dentro di lui non riusciva ad accettarlo), e l'accanimento a difendere una posizione che nella sua applicazione pratica non reggeva.

    RispondiElimina
  2. Tornando agli Stooges, siamo d'accordo che questo disco non è un capolavoro e che in gran parte non è riuscito - così come siamo d'accordo che è assurdo dire ancora oggi, per partito preso, che i Rolling Stones siano la pià grande rock 'n' roll band del pianeta (ci ho scritto anche sopra, la sai bene) - ma l'errore di base secondo me sta proprio nel volerlo paragonare alla musica della stagione di Woodstock e dell'Isola di Wight. Perché parliamo di due cose assolutamente antitetiche, che richiedono un approccio totalmente differente, altrimenti si rischia di fare confusione.
    Paragonare gli Stooges ai "cugini" MC5 ha, invece, certamente più senso, perché rientrano nello stesso ambito. E senza dubbio gli MC5 erano nettamente superiori sotto tutti gli aspetti agli Stooges, anche se pure a loro non poteva fregare di meno di suonare bene. E questa loro autoaffermazione di "incompetenza" era già in sé portatrice di un'espressione di autenticità, nel senso che per quello che volevano dire loro, per quelli che erano i loro scopi - e cioè in sostanza esprimere la loro incazzatura, il loro disagio, il loro disadattamento, e il loro essere maleducati, ostili, fastidiosi, selvaggi - ciò che sapevano fare andava bene, era più che sufficiente, ed era efficace, e coglieva nel segno. E andava bene, perché loro, almeno all'epoca, erano davvero incazzati, a disagio, disadattati, maleducati, ostili, fastidiosi e selvaggi. E un selvaggio non è certamente uno che sa leggere scrivere! Altro discorso vale per i non incazzati, i non disadattati, i non maleducati ecc... che non hanno alcun talento e alcuno spessore, e che si vogliono atteggiare in questo modo giustificando così il loro scarso talento. Così come è assurdo che, poi, chi si occupa di musica si riduca ad ascoltare soltanto il punk, il garage e cose simili, liquidando come "pretenzioso" tutto quanto non è in grado di comprendere.
    Certamente gli Stooges dal vivo erano ben altra cosa, e se ti è capitato di vedere qualche filmato dell'epoca sarai rimasto colpito dalla violenza dei loro concerti. Senza dubbio da questo punto di vista il disco non è riuscito, perché è come se non avessero voluto spingersi troppo oltre, inserendo pipponi inutili come "We Will Fall" (lo hai già fatto notare molto bene tu).
    Perché se vuoi fare davvero casino, dare davvero fastidio e sbraitare invece di cantare, lo davi fare davvero, e se vuoi suonare con le chitarre scordate, le devi scordare come si deve, molto più di chiunque altro! Credo che sia questo il punto.
    Un abbraccio forte!
    Gianmaria

    RispondiElimina
  3. Ma quanto sei presuntuoso e limitato?? Da come spieghi il rock, sembra che per te sia solo virtuosismo.

    RispondiElimina