www.mat2020.com

www.mat2020.com
Cliccare sull’immagine per accedere a MAT2020

sabato 23 maggio 2015

5 Luglio 1971: i Led Zeppelin al Vigorelli, di Giuseppe Scaravilli


Fu proprio nel 1971 (il 5 luglio) che gli Zeppelin suonarono per l’unica volta in Italia. Ma solo per 20 minuti. Al velodromo Vigorelli di Milano era prevista infatti una delle tappe del cosiddetto “Cantagiro” (con gruppi e cantanti che andavano appunto in giro per l’Italia, al posto dei ciclisti), con il celebre gruppo inglese ospite della serata. Quando però Page e soci cominciarono il loro concerto (un po’ in anticipo rispetto ai tempi previsti), i ragazzi ancora fuori dal velodromo cominciarono a pressare per riversarsi all’interno della struttura. E la polizia reagì sparando i gas lacrimogeni. Plant dovette interrompere lo show e, ignaro di quanto stesse effettivamente succedendo, sollecitò il pubblico a “smettere di accendere fuochi”. In quel periodo i musicisti della band portavano tutti la barba, Plant anche una tunica colorata, e Page dei vistosi pantaloni a quadri. Sarebbe stato un bellissimo show, ma la gente, ancora prima degli incidenti, era ammassata proprio non solo sotto il palco, ma anche attorno e dietro (come testimoniano le foto di quel giorno). Quando il fumo dei lacrimogeni costrinse quella massa di giovani a cercare scampo in direzione del palco, la strumentazione finì per essere travolta, con i roadies che tentavano disperatamente di salvare il salvabile. Gli Zeppelin provarono una volta a riprendere lo spettacolo, ma la situazione era ormai fuori controllo e dovettero cercare rifugio nei camerini. In quell’occasione si erano esibiti anche i New Trolls e i Pooh (ancora con Riccardo Fogli), ed anche questi ultimi dovettero rinchiudersi nei camerini, senza per questo riuscire a sfuggire alle esalazioni dei gas. Robert Plant andò via in lacrime (più per la rabbia che per i lacrimogeni), giurando “Mai più in Italia” (come avrebbe titolato anche qualche giornale, dopo quegli sciagurati eventi).
E purtroppo così fu. io stesso avrei visto Page e Plant, sempre a Milano, solo nel giugno del 1995: ma non erano più i Led Zeppelin, appunto. Anche se suonarono quasi tutti brani del vecchio “dirigibile” (con qualche sorpresa, come “Dancing Days”, e una “The Song Remains The Same”, con tanto di chitarra “double neck” rossa, come ai bei tempi. Gli scontri tra polizia e pubblico (soprattutto contro quelli che reclamavano “la musica gratis”) finirono per protrarsi per tutti gli anni ’70, con scontri in occasione del concerto dei Jethro Tull a Bologna nel ’73, i palchi di Lou Reed e Santana dati alle fiamme (rispettivamente nel 1975 e nel 1977), più i “processi politici” a Francesco De Gregori ed Antonello Venditti. I manager italiani (soprattutto Zard, Mamone e Sanavio), che portavano in Italia i grossi gruppi stranieri, venivano accusati di arricchirsi a spese dei giovani. Soprattutto, si pretendeva che la musica fosse  “di tutti”, e che non si dovesse pagare per ascoltarla. Gianni Nocenzi (del Banco Del Mutuo Soccorso) si disse d’accordo, a patto che fosse il pubblico ad onorare le cambiali per gli strumenti acquistati. I Gentle Giant cercarono di far capire che, tolte le spese, anche i musicisti dovevano poter mangiare. La PFM subì un’aggressione, con Franco Mussida pronto a fronteggiare i più esagitati stringendo la chitarra per il manico, come fosse una clava. Franz Di Cioccio, il batterista della stessa “Premiata” (come veniva chiamato all’epoca il gruppo) la mise sul ridere: chiamò sul palco uno dei contestatori,  gli consegnò le bacchette e gli disse: “Ah, la musica è di tutti? E allora suona tu”. Il risultato di tutto questo trambusto fu comunque che l’Italia venne praticamente cancellata dai tour di tutti i grandi gruppi inglesi ed americani. I Van Der Graaf Generator, riformatisi nel ’75 (dopo lo scioglimento del ’72) si fecero vedere solo perché riuscirono ad esibirsi sulla riviera romagnola, in un clima di vacanze ed ombrelloni. Ma quando suonarono a Roma, nel dicembre del 1975, subirono il furto del furgone con tutti gli strumenti dentro, e, nonostante fossero riusciti a recuperare un po’ tutto, se ne tornarono a casa; sarebbero dovuti venire a suonare anche a Catania, ma, dopo i fatti di Roma, ma tutte le date rimanenti di quel mese vennero cancellate.  E così il sottoscritto li avrebbe visti solo 30 anni dopo, nel 2005, a Roma e a Taormina. Di fatto il nostro Paese perse l’occasione di vedere i gruppi più grandi della storia del Rock proprio nel momento del loro massimo fulgore. I Genesis ed i Jethro Tull si sarebbero rifatti vivi solo nel 1982, quando le acque si furono calmate. 

1 commento:

  1. Io c'ero ed è stata un esperienza incredibilmente da seconda guerra mondiale, ho ancora adesso la sensazione di bruciore negli occhi dei lacrimogeni, un peccato più che mortale perché erano in una serata di particolare vena, hanno iniziato con immigrant song in un modo eccezionale in cui Plant finendo i saluti al pubblico( mentre Bonham batteva i quarti senza che nessuno se ne accorgesse) disse okay e partirono di sorpresa entusiasmandoci e coinvolgendoci totalmente.Poi eseguirono magistralmente Since i've been loving you con Paul jones all'hammond coi bassi alla pedaliera. Io ero in alto sul palco perché avevo il pass della Ricordi e dopo i lancio delle bombe sono sceso con loro nei camerini, Page aveva due Les Paul uno verde e l'altro rosso sfumato.. gli abbiamo accompagnati all'Hilton e contrariamente a quel che si dice l'unico a cui è passata subito l'incazzatura fu Plant che io accompagnai a piedi fino in Duomo dove comprò uno sciampo. Infine dissi a Robert: you are the best e lui mi rispose: Today me..tomorrow you. Esperienza indimenticabile.

    RispondiElimina