www.mat2020.com

www.mat2020.com
Cliccare sull’immagine per accedere a MAT2020

sabato 25 febbraio 2017

Nessuna Interferenza-“Castello Di Carte”


E’ appena stato rilasciato “Castello Di Carte”, secondo album del cantautore Fulvio Semenza, in arte Nessuna Interferenza.
Sono otto i brani proposti che presentano una veste minimalista, quella voluta fortemente dall’autore che, dopo varie esperienze in team, sceglie la strada del completo autarchismo musicale, una versione “nuda”, dove chitarra e voce regalano l’immagine più vera di questo menestrello dalla proposta “antica”. L’aggettivo "antica" è usato per sottolineare una condizione utilizzata universalmente nei seventies, ma sempre più attuale, perché la dimensione socializzante legata ad un artista che si racconta al suo pubblico nell’intimità, magari in una stanza, è quella di cui si sente sempre più il bisogno… in fondo basta saper aspettare e l’abito di un tempo, nascosto nell’armadio, diventerà nuovamente all’ultimo grido!
Fulvio Semenza parla di sè, descrive il suo quotidiano, i suoi amori, i suoi dolori, e la vasta gamma di sentimenti che si mettono in mostra quando si ha la possibilità di renderli immortali, ad esempio trasformandoli in canzoni.
Il suo “Castello Di Carte” è un simbolo potente, una costruzione perfetta, realizzata nel tempo con impegno e dedizione, ma… basta un soffio di vento, un piccolo spostamento nella direzione sbagliata e la perfezione - e il sogno - svanisce, mischiando le parti del mosaico ormai disfatto; ci vuole forza e coraggio per riprovarci, e forse, con un po’ di fortuna, la nuova abitazione diventerà più confortevole di quella precedente.
Tutto questo si ritrova nel percorso disegnato da Nessuna Interferenza, un disco fatto con cuore e anima, lasciando in disparte ogni tipo di orpello e inutile ridondanza.



Nessuna Interferenza in pillole

Partiamo dal nome…

Mi chiamo Fulvio Semenza, ma artisticamente  ho scelto  Nessuna Interferenza.

Da dove arriva la scelta?

Nessuna Interferenza nasce dal fatto che le mie canzoni, sia dal vivo che sui dischi, vengono suonate con una sola voce e chitarra, solo sporadicamente un suono aggiunto, un violoncello o una fisarmonica.  Negli anni ho suonato in varie formazioni, in gruppo, in duo, ma da un anno a questa parte ho capito che per quel che propongo basta la mia chitarra e il mio cantare. Così mi presento come cantautore dal momento, con musica e parole scritte da me.

Che cosa hai realizzato in studio, sino a questo momento?

Nel 2014 è uscito il mio primo CD, “Un po’ più in la”, con l’etichetta discografica Italdisco di Roma, e a fine 2016 è stato rilasciato il mio secondo lavoro, “Castello Di Carte“. La presentazione ufficiale del nuovo disco è avvenuta su Gold TV Italia,  nella trasmissione Italia Amica condotta da Maristella Gallotti.

Dove e come nascono le tue canzoni?

Le mie canzoni nascono da momenti di gioia o di rabbia, che fanno parte della mia vita, e nei quali bene o male tutti ci si possono riconoscere. La maggior parte dei miei pezzi è suonata in fingerstyle, una tecnica con cui una sola chitarra permette di avere un suono molto ricco.

 



2 commenti:

  1. Hai tradotto tutto al meglio, ti ringrazio di cuore.

    RispondiElimina
  2. Belle parole che danno il giusto valore al lavoro di un cantautore che racconta di sè e dei suoi stati d'animo nei quali, come dice nell'intervista, ognuno di noi ci si può ritrovare. E questa aspettativa, all'ascolto, non verrà affatto disattesa.

    RispondiElimina